Combinata per legno, tutto quello che c’è da sapere

Appassionato di ebanisteria o di falegnameria? Quello che ti manca è la combinata per la lavorazione del legno!

una macchina combinata per legno è un utensile realizzato in modo da poter eseguire un numero di lavorazioni uguale o maggiore a due: la diffusione di questa macchina oggi è davvero incredibile perché è apprezzata e utilizzata da tutti gli hobbisti e professionisti in tutto il mondo.

Perché scegliere una combinata

L’interesse primario della combinata per legno è quello di unire tutti gli strumenti per la lavorazione in un’unica macchina, in questo modo non solo si ha un risparmio monetario ma anche di spazio occupato.

Chi svolge queste operazioni per passione personale saprà bene l’ingombro che occupano queste macchine e trovare uno spazio dedicato non è per niente facile.

La principale caratteristica da conoscere è scegliere il numero di operazioni proposte, da due a sei e l’eventuale aggiunta di accessori.

Possiamo trovare due principali tipi di combinate:

  • la combinata 2/3 operazioni
  • la combinata 5/6 operazioni

scopriamo quali sono le operazioni che una combinata per legno può eseguire:

  • Taglio
  • Rifilatura
  • Piallatura a filo
  • Piallatura a spessore
  • Fresatura
  • Foratura
  • Incisione

Per un uso professionale o più specifico ci sono degli accessori che possono essere incorporati nella combinata, come ad esempio:

  • il carrello per tenonare, non è altro che un utensile che facilità la creazione di tenoni in serie
  • mortasatura, serve per i lavori di assemblaggio in serie
  • sega circolare con incisione, per tagliare in maniera ideale il melaminato o dei pennelli con rischio di schegge destinati ad essere apparenti

Ergonomia e praticità, qualche consiglio

Nonostante la combinata a legno sia un utensile che porta con se una serie di vantaggi come accennato precedente,ente, ha anche un leggero difetto.

Per passare da un’operazione all’altra bisogna effettuare delle manipolazioni, come ad esempio togliere degli accessori o fare delle regolazioni, che vengono chiamate dagli esperti “sposate mento della posizione di puntamento”

Per fare questa operazione non è immediata e dura più o meno a seconda dei modelli!

Per quanto riguarda la combinata un’intelaiatura monoblocco di solito è sinonimo di stabilità e solidità, la tavola del macchinario si può trovare in tre diverse varianti:.

  • Alluminio: nonostante questo materiale sia molto compatto e leggero è decisamente più fragile, questo lo rende una facile mira se si usano chiodi!
  • Acciaio: questo materiale è molto più robusto , di conseguenza appesantisce molto la combinata, se hai intenzione di spostare spesso la tua combinata non è il materiale più adatto a te!
  • Anodizzata: la combo perfetta tra peso e resistenza.

In conclusione, a cosa bisogna stare attenti quando si sceglie una combinata per legno?

Quando deciderai di acquistare la tua combinata per legno ti consiglio di scegliere una soluzione resistente e con un accesso rapido alle parti interne.

Tieni sempre conto:

  • Dell’altezza del taglio;
  • Dell’inclinazione della sega;
  • Della presenza di una guida parallela;
  • Dell’altezza della piallatura;
  • Della corsa del carrello;
  • Della corsa della cavatrice.

Accertati che tutti questi elementi possano essere regolati con estrema precisione e in modo semplice e veloce.

Un altro elemento da considerare è il motore e la sua potenza, che dipende dal tipo di prestazione della macchina.

Ti consiglio di scegliere una soluzione potente, che sia poco rumorosa e che sia dotata di un aspiratore per mantenere la postazione di lavoro sempre pulita ed in ordine: quando scegli l’aspiratore valuta bene la sua potenza e la posizione del tubo.

Una buona soluzione in questo caso è rappresentata da una combinata per legno munita di bocche di aspirazione studiate appositamente per eseguire la manutenzione ordinaria e straordinaria.