Rinasce la falegnameria, l’antica arte resiste alle nuove tendenze industriali

Il mestiere del falegname si è evoluto negli anni fino a diventare una vera e propria arte.

Scultori del legno o semplici falegnami di bottega, sono da sempre figure molto riconosciute nel settore dell’artigianato.

Bisogna però distinguere queste professioni dalla grande falegnameria industriale, che propone prodotti meno ricercati e di conseguenza con livelli di qualità inferiori.

Quando si creano prodotti che vengono ricavati da un ceppo di legno, non si può fare a meno di considerare questo procedimento come una vera e propria maestria. Essendo una risorsa naturale e sempre disponibile, il legno è sempre stato considerato molto importante e per questo utilizzato in differenti situazioni.

La grande produzione non utilizza le tecniche tradizionali dove i falegnami specializzati adottano attrezzi manuali di precisione, ad esempio. Aziende di falegnameria specializzata (come la nota Falegnameria Caponi che opera a Roma e provincia) sono il punto di riferimento se si vuole arredare un ambiente con prodotti originali, su misura e di alto livello.

Il tepore del legno e l’atmosfera che lo distingue, è da sempre quel particolare che molte persone ricercano quando si compra casa. Nel 2021, nonostante le moderne tendenze in fatto di mobili, ci sono soluzioni per qualsiasi tipo di esigenza come cucine, tavoli, camere da letto, scale, soggiorni, pavimenti o semplici mobili interamenti fatti in legno e su misura.

Non ci sono case, uffici o altri luoghi dove non ci siano parti fatte di questo materiale. Scalpelli, lime, martelli e infine seghe elettriche vengono usati dagli artisti nei laboratori per creare vere e proprie opere d’arte.

Ci sono statue interamente fatte in legno nelle piazze italiane, nate dal nulla per mano di veri artisti, ma si possono trovare addirittura case interamente costruite con questo prodotto naturale.

Negli anni però questa materia prima sta subendo delle crescite di prezzo, vediamo alcuni dati.

Il legno è sempre più richiesto

Il legno nel 2021 sta subendo un aumento di prezzo importante. Gli operatori del settore affermano che la situazione attuale è molto instabile, e ricordano di non aver mai passato una situazione simile.

Questa insicurezza porta inevitabilmente ad un aumento del costo di produzione, ed a un allungamento delle tempistiche di approvvigionamento per carenza delle materie prime.

Negli Stati Uniti l’aumento ha superato il 49% in poche settimane, raggiungendo il doppio del valore nel periodo invernale dell’anno scorso. L’europa non è da meno in questa incertezza, con un’impennata del legno da costruzione che arriva anche al 60% rispetto alle contrattazioni commerciali del 2020.

Ezio Daniele, presidente di Assoimballaggi (l’associazione di FederlegnoArredo) che opera nel settore da 40 anni, afferma che anche in passato è accaduto che i prezzi aumentassero ma non con questa rapidità.

Fatte queste considerazioni ci teniamo a evidenziare che materiali di qualità lavorati da professionisti specializzati, hanno un prezzo maggiore rispetto al resto delle lavorazioni.

Questo particolare non deve essere preso come un problema, anzi molto spesso chi più spende meno spende.

Infatti, i dati delle vendite di arredi in legno sono in aumento, questo significa che la qualità è sempre più richiesta rispetto ai prodotti più convenienti.  

Non è pensabile di avere gli stessi risultati quando ci si affida alle grandi falegnamerie industriali che impiegano moderni mezzi per la lavorazione del legno.

Le mani dei professionisti che con dedizione accompagnano il lavoro in laboratorio per creazioni su misura che durano nel tempo, ripagheranno sempre gli acquisti fatti.

Un mestiere che si tramanda spesso di padre in figlio e che per il mastro falegname non esistono mai due pezzi di legno uguali, ma ogni opera non ha repliche ne precedenti.