Relazioni fuori dalla zona di confort: ecco perché fanno bene 

Le relazioni, intese in senso generale, sono condizioni che ci possono aiutare a confrontarci con altre persone, anche uscendo dalla nostra classica zona di confort. Solamente in quest’ultimo caso, però, possiamo considerarle davvero utili per le nostre esigenze e bisogni. Solo nel caso in cui una relazione possa aiutarci a migliorare il rapporto con noi stessi confrontandosi con soggetti diversi da noi. Questo aiuta la nostra emancipazione e migliora anche la qualità della nostra vita, perché necessariamente ci aiutano a confrontarci con soggetti diversi da noi e quindi anche a metterci in discussione. Al contrario quei rapporti che ci fanno sempre interfacciare con persone come noi, che ci assomigliano in tutto, non sono di grande aiuto sotto questo punto di vista. 

Avvicinarci a chi è diverso da noi ci permette di uscire dalla classica zona di confort che è una trappola per il nostro benessere e che ci impedisce di crescere e di svilupparci. Infatti come apprendiamo da alcuni articoli pubblicati sul sito della Psicologa Dott.ssa Cinzia Mamelli (cinziamamelli.it), la confort zone consiste in luogo virtuale e che ognuno di noi ha nel quale ci sentiamo a nostro agio e al sicuro. Un luogo dove la consuetudine la fa da padrona e questo ci permette di sentirci bene perché non accadono imprevisti. Insomma, una cella, ma una cella nella quale ci pare di star bene. Spesso per questo motivo, per non uscire dalla nostra zona di confort, cerchiamo di relazionarci con persone che sono simili a noi, che non ci turbano e che non mettono in discussione le nostre certezze. Ma questo non è utile alla nostra crescita personale e può in un certo senso castrarci e renderci bloccati e fermi.  

Migliorare le relazioni con gli altri  

Migliorare le relazioni con gli altri ed uscire dalla zona di confort quindi è fondamentale per il nostro benessere e per la nostra crescita.

Ma come si possono migliorare le relazioni con le altre persone? Anche se il modo con il quale ci poniamo verso gli altri dipende sostanzialmente dal nostro carattere tuttavia ci sono alcuni modi per migliorare il rapporto con le altre persone. Ad esempio, cercare di essere positivi e naturali anche se non è nel nostro carattere. L’ottimismo chiama altro ottimismo ed è un modo perfetto per poter diffondere allegria e piacere alle altre persone. 

Nella vita sociale bisogna cercare di essere… meno social. Il che significa che quando siamo in compagnia bisogna cercare di lasciare in borsa il cellulare e non collegarsi a internet, non andare sui social network, evitare di fare tutti questi gesti che possiamo benissimo fare in un secondo momento. La dipendenza da smartphone uccide la nostra vita sociale, le nostre relazioni, ci spegne e ci crea una bolla dal mondo esterno: possiamo dire che anch’esso fa parte insomma della zona di confort che bisogna cercare di combattere a tutti i costi. Avere più relazioni positive significa stare meglio, avere migliore salute psicologica, bisogna allo stesso tempo cercare di allontanare le persone negative, e le relazioni pericolose. Questo è un vero toccasana per noi anche se allontanare da noi le persone negative può essere estremamente difficile e complesso, per diversi motivi. 

Ma anche questo atto fa parte del complesso di strategie per uscire dalla zona di confort, che come abbiamo visto ci castra e ci impedisce di crescere e di relazionarci positivamente con le persone che abbiamo intorno a noi. Questi spunti, coltivati con costanza, possono aiutarci concretamente a creare delle relazioni molto positive che non rimangano all’interno del nostro piccolo angolo di mondo.